Modalità di Ammissione

Sono previste due procedure per l’ammissione alla Struttura:

1) Per Anziani in rapporto di convenzione ;

Per l’ammissione in Struttura in posto convenzionato, l’interessato o i suoi Familiari devono presentare domanda presso l’U.O.C.ANZIANI del Distretto di riferimento e/o il DS di appartenenza.

La domanda, insieme alla documentazione medica redatta dal Medico curante e a quella reddituale e patrimoniale dell’Anziano (ISEE), viene inoltrata dall’U.V.I..

In caso di esito positivo ( bisogno di ricovero in RSA) il referente incaricato dall’UVI chiede al centro eventuale disponibilità di ricovero o di eventuali tempi di attesa (massima attesa 90gg).L’RSA comunica con all’UVI la propria disponibilità o indisponibilità

Si precisa che il criterio di ammissione nella R.S.A. è il seguente:

1° – persone residenti nel Comune;

2° – persone residenti nello stesso ambito distrettuale

3° – persone residenti in altri ambiti, ma della stessa ASL

4° – persone residenti in altre ASL

In caso di disponibilità, il referente incaricato dall’UVI contatta il Responsabile Sanitario della R.S.A. per concordare la data di ricovero, precisando che le attività di MMG saranno espletate nel rispetto dell’ACN vigente – ex art. 39 comma 1 lettera C dell’AIR, di cui alla DGRC n. 2128 del 20.06.03, pubblicata sul BURC n. 32 del 21.07.03

2) Per Anziani in rapporto diretto e privatistico;

Per l’ammissione in Struttura in posto privatistico, l’interessato o i suoi Familiari devono presentare domanda presso la struttura, da formularsi su apposito modello da ritirarsi presso la reception della stessa struttura. In caso di presenza di posto libero, sarà organizzato immediatamente l’eventuale ricovero, altrimenti si provvederà ad inserire la domanda in lista di attesa.

 LISTA D’ATTESA

Valutata la domanda in modo positivo, l’Ospite viene collocato in lista d’attesa. La collocazione nella lista d’attesa è frutto dell’incrocio tra più criteri: quello dell’urgenza del ricovero (dimissioni ospedaliere/), quello dell’ordine cronologico della domanda e quello della compatibilità del posto libero con le esigenze sanitarie e sociali del nuovo Ospite. La lista d’attesa viene rivista almeno 4 volte l’anno, effettuati i recall alle famiglie e richiesti aggiornamenti sullo stato di salute.

PRELIMINARI DI INGRESSO

Nel momento in cui si libera un posto letto, l’Assistente Sociale della Residenza contatta i familiari per definire le modalità di ingresso. È in questa occasione che vengono fornite le ultime informazioni necessarie, il promemoria dove vengono elencati i documenti necessari e in cui vengono concordati il giorno e l’ora della presa in carico dell’Ospite. Il Direttore Gestionale, in collaborazione con l’Assistente Sociale, predispone il Contratto con l’Ospite o con un suo familiare. All’ingresso è richiesta la sottoscrizione del Contratto e del regolamento interno. Il Contratto con la Residenza stabilisce che il firmatario (nel caso non si tratti dell’Ospite stesso) assuma la qualità di Garante e diventi responsabile ed interlocutore privilegiato nei confronti della Struttura, sia per gli aspetti della Privacy che per quanto attiene gli aspetti economico-finanziari.

SERVIZIO DI ACCOGLIENZA ALL’INGRESSO

L’Assistente Sociale, ed il Personale Socio-Assistenziale accolgono l’Ospite e i suoi familiari all’entrata nella Struttura e li presentano ai residenti, avendo cura di:

  • spiegare l’organizzazione della giornata (orario pasti, terapie, attività…);
  • mostrare l’ubicazione dei vari servizi;
  • spiegare l’utilizzo dei mezzi di supporto (letto, comodino, campanello di chiamata);
  • raccogliere dai familiari informazioni utili per offrire fin da subito una adeguata assistenza;
  • compilare la Scheda socio-assistenziale di Ingresso.

Nel giorno concordato per l’ingresso, l’Anziano dovrà presentarsi in Struttura con i seguenti documenti: Carta d’Identità, Codice Fiscale, Tessera Sanitaria. L’Ospite viene accompagnato nella stanza assegnata dal Referente di Nucleo e preso in carico dal Medico, dove inizia da subito la messa a fuoco dei suoi bisogni. Il lavoro multiprofessionale, nella fase di osservazione è condotto dagli Operatori di Nucleo. Ogni notizia ed ogni informazione che riguarda le richieste e le abitudini dell’Ospite sono registrate in “Cartella Personale”.